yallaz


turismo responsabile: dai un altro senso al tuo viaggio

planet viaggi responsabili
yallaz turismo responsabile - Marocco
Introduzione
Programma
Costo
Durata
Quando andare
Bagaglio
Caratteristiche
Bimbi
Progetti
Logistica
Per saperne di più..

yallaz turismo responsabile - facebook

yallaz turismo responsabile - youtube

Quando andare

Il clima del Marocco è perfettamente sintetizzato nella definizione del governatore francese Lyautey:"un paese freddo con il sole caldo". La latitudine africana, infatti, è più che compensata, sia dall'orografia del paese, in maggior parte montuoso, sia dal clima prevalentemente secco, se non desertico. Questo implica che ci sia una fortissima differenza tra le temperature al sole ed all'ombra, tra quelle invernali (inverni freddi ma brevi che durano da metà dicembre a metà febbraio) e quelle estive, tra quelle diurne e notturne e tra quelle in caso di bel tempo e di brutto tempo. A questo si deve aggiungere che non esiste generalmente un sistema di riscaldamento delle case, nè nelle medine, nè fuori città: solo nei posti turistici si trovano dei climatizzatori nelle singole stanze o più semplicemente delle stufe a gas o dei camini nelle sale da pranzo.

L’escursione è realizzabile preferibilmente tra ottobre e aprile. D’estate il deserto è quasi impraticabile, soprattutto se si incorre in una tempesta di sabbia.

Nei mesi primaverili ed autunnali Marrakech è temperata (piuttosto calda di giorno e fresca la notte), mentre in inverno è molto fredda: utile la visita all’hammam!
Lungo la strada del Tizin’Tichka e ad Imouzzer, essendo alta montagna, il clima in inverno è molto rigido (le temperature possono scendere sotto lo zero): è possibile incontrare la neve, ed il passo potrebbe anche essere chiuso e di conseguenza sarebbe necessario un cambio di itinerario. Nei mesi primaverili ed autunnali le temperature sono normalmente più godibili, con giornate calde e notti molto fresche, fredde solo in caso di maltempo. Nella zona tra Zagora e l’Erg Laoudi e sul Jebel Saghro c’è una forte escursione termica tra giorno e notte; in inverno, di notte fa molto freddo (temperature vicino allo zero, soprattutto nel deserto) mentre di giorno, al sole, si sta bene. Nella valle della Draa il caldo diurno ed il freddo notturno sono attenuati dalla folta vegetazione delle palmeraie ed è mediamente un po’ più caldo che a Marrakech.